Anita&Amber parte seconda

Standard

Dopo l’internet point e dopo il giardino recintato in mezzo al quartiere più disastrato di San Francisco, finiamo per passare la giornata insieme. Io l’Australiana con due palled a canguro e Anita, la donna del mistero. Che ci porta a bere delle birre squisite accanto a City Lights, la libreria fondata da Lawrence Ferlinghetti, a mangiare la pizza più buona del mondo a little Italy (il mio orgoglio di vera italiana piange, ma è la verità. E il posto si chiamava “Golden boy pizza”, che alla luce del video di Moby mi sembra un segno del destino) e le caramelle di caramello in una pasticceria fondata da Woodrow Wonka, cugino Americano dell’inglese Willy. Come prima giornata a San Fran, niente male.

La mattina dopo Amber è partita per sempre. Sono riuscita a mugularle un ciao di sfuggita, e non l’ho mai più vista ne’ sentita. Il giorno dopo ho controllato la mail, il mi amico non poteva ospitarla ma le dava qualche consiglio su posti carini a Brooklyn. Mentre scrivo, deve essere da qualche parte in Argentina. Spero che abbia incontrato un’Anita anche lì.

 

Annunci

Informazioni su neshuma

Young night bird of the third millennium, pissed off, scarcely cultured, heavy drinker, sensitive to the many world infamies, in love with rats and pigeons, dreamer of any social justice, music freak, voracious of any piece of film, editor virtuosa, writer, marketing tyro, journalist, failed English teacher, failed actress, historian in the spare time…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...